L’obiettivo che si propone è quello di realizzare, nel pieno concetto della condivisione, forme di convivenza quotidiana tra gli stessi disabili, le loro famiglie, i volontari e tutti coloro che frequentano la comunità, per favorire autentici rapporti di amicizia, di collaborazione, di reciproco apporto e di partecipazione alle varie realtà sociali.

Attraverso la testimonianza diretta con gli ospiti si tenta di rimuovere le barriere psicologiche che emarginano il “diverso”, facendo sì che la loro “vita pienamente vissuta”, si manifesti grazie al “protagonismo” degli stessi e che venga sorretta complessivamente dall’aiuto sensibile ed intelligente delle loro famiglie, delle istituzioni, degli operatori, della società intera.

Attraverso la testimonianza reale e concreta dell’opera  diventa impegno primario promuovere l’uguaglianza ed il rispetto delle “differenze”, attraverso la cultura della solidarietà e dell’accoglienza, sollecitando presso gli organi competenti, la realizzazione di strutture architettoniche adeguate e di servizi sanitari territoriali alternativi al ricovero ed aiutando i disabili a difendere sul territorio i loro diritti civili.

L’Attività Socio Riabilitativa richiede la conoscenza del soggetto, dei suoi limiti  e delle sue potenzialità.  A tale scopo viene compilato un Progetto Riabilitativo Personalizzato.