Momenti di svago, attività fisiche ricreative e occupazionali

La vita della Casa Emmaus è strettamente legata con le altre attività dell’Associazione, di cui fanno parte giovani e adulti con i quali gli anziani si integrano con una reciproca forma di dialogo e condivisione di momenti ricreativi.
Gli anziani sono quotidianamente in contatto in maniera particolare con i giovani e, nei limiti delle possibilità, con i bambini della Parrocchia. Per le attività complementari di carattere ricreativo, culturale, sociale, oltre al personale dipendente è presente il personale volontario dell’Associazione. La vita della Casa è strettamente legata con le altre attività dell’Associazione, di cui fanno parte giovani e adulti con i quali gli anziani si integrano con una reciproca forma di dialogo e condivisione.

 L’obiettivo fondamentale della “Casa”, che non si identifica con la tradizionale Casa di riposo, è quello di accogliere prevalentemente persone anziane, privilegiando coloro che vivono nella solitudine affettiva, sociale e psicologica, aiutandole nelle situazioni più delicate della loro esistenza e rendendole, per quanto possibile, soggetti e protagonisti, secondo le loro possibilità e capacità fisiche, psicologiche, sociali, artistiche e religiose.
Nel contesto delle finalità espresse nel regolamento e nello statuto dell’Associazione di Volontariato, obiettivo fondamentale sarà quello di evitare, con ogni mezzo, la ghettizzazione degli ospiti della casa, favorendone e promuovendone la socializzazione, attraverso frequenti contatti con amici e conoscenti.
Sarà cura degli operatori impostare qualunque tipo di attività con un continuo collegamento con il centro diurno per anziani, che opera nella stessa struttura, usufruendo, nei limiti del possibile, dei loro programmi di attività ricreative, culturali e spirituali.
Sarà garantita l’assistenza sanitaria ordinaria prevista dalle norme regionali, attraverso l’impegno quotidiano di medici,  specialisti,  infermieri regolarmente assunti. In altri casi di necessità, la casa si avvale del servizio sanitario pubblico, in ossequio alle norme nazionali e regionali in materia. In collaborazione con i volontari di tutti i settori, gli ospiti della casa saranno messi nelle condizioni di potersi gestire autonomamente per quanto concerne interessi personali e aiutati all’acquisto di giornali o di altri generi che in qualunque modo dovessero tornare utili alla loro autonomia psicologica e culturale.