Ancora nessun commento

“Anche il Centro Presenza si colora di blu”

Il 2 aprile ricorreva la giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, l’Associazione Presenza che guarda da vicino questa problematica, con il Centro di Riabilitazione Estensiva ambulatoriale, è scesa in campo organizzando il tavolo di lavoro dal titolo “Anche il in Centro Presenza si colora di blu” (colore simbolo di questa giornata). Hanno preso parte all’evento: il presidente dell’associazione Presenza Don Silvio Mesiti, le dott.sse Lidia Mesiti e Fabiana Minutolo responsabili del Centro Di Riabilitazione Presenza, in rappresentanza del comune di Palmi la Dott.ssa Avventuroso, una delle terapiste del Centro Graziella Nesci. Dopo i saluti della Dott.ssa Fabiana Minutolo, psicologa del centro, ha preso la parola don Silvio Mesiti, presidente dell’Associazione, sottolineando l’importanza di tenere attiva la collaborazione tra specialisti della riabilitazione e le famiglie: “perché un percorso terapeutico non può prescindere dalla famiglia”. Infine il presidente ha lanciato la proposta di creare un’associazione in collaborazione con i genitori che si trovano a combattere questa battaglia contro l’autismo, per la tutela dei diritti. Dopo di chè ha preso la parola la dott.ssa Alessia Avventuroso, assessore del comune di Palmi, la quale ha sottolineato l’importanza della commemorazione di questa giornata per una presa di consapevolezza, “ragionare e informare su questa patologia cosi’ diffusa ma della quale ancora si sa poco”. Un altro argomento affrontato dalla dottoressa è stato l’importanza di creare una rete, partendo dai servizi già presenti sul territorio, sostenuti da leggi che vanno ancora migliorate o addirittura istituite, con l’obiettivo di far sentire i genitori meno soli. Il terzo intervento, quello della Dott.ssa Mesiti, che partendo dai dati raccolti negli anni dal Centro Presenza, ha voluto sottolineare quanto purtroppo questa patologia sia più diffusa rispetto agli anni precedenti, analizzando le possibili cause di questo fenomeno (maggiore sensibilità rispetto al problema, più scoperte scientifiche…). Il discorso della dott.ssa Fabiana Minutolo si è concentrato sull’importanza di conoscere il problema per sensibilizzare e soprattutto far si che la giornata di ieri non sia solo commemorazione. L’intervento è proseguito con un excursus nella storia dell’evoluzione dell’autismo, i sintomi e le caratteristiche di questa complessa Patologia, “definita appunto spettro perché composta da vari livelli e diverse sfumature”. L’intervento della terapista Graziella Nesci, si è concentrato sulle diverse tipologie di trattamento. La terapista ha sottolineato anche l’importanza della scelta della tipologia di intervento tra gli approcci comportamentali e quelli educazionali in base alla diagnosi . Il penultimo “intervento” è stato quello di un ragazzo, Riccardo Sorace, ex paziente del Centro Presenza, che ha suonato al piano una canzone, dedicandola alla sua terapista Graziella. E’ stato un momento di grande emozione, che ha testimoniato come un percorso di terapia ben strutturato possa regalare prospettive di vita migliori. Infine la parola è passata ad alcuni genitori che hanno regalato la loro testimonianza, raccontando come vivono e combattono la loro battaglia quotidiana con questa patologia, un momento davvero commovente di profonda condivisione. L’incontro si è concluso sul piazzale della Concattedrale San Nicola di Palmi, dove tutti insieme: operatori, ragazzi, bambini, genitori e pubblico presente hanno fatto volare tanti palloncini blu.

Invia un commento